fbpx

Gli Spiriti Guida hanno il compito di suggerirci come ritornare sul nostro vero sentiero, dal quale le esperienze di questa vita potrebbero averci fatto allontanare.

Gli Spiriti Guida sono nostri amici, amici che forse abbiamo sempre conosciuto. Essi creano con noi la vita che vivremo su questa Terra, secondo linee, obiettivi e mission su cui ci siamo già accordati. Ebbene sì, secondo il mio parere e la mia esperienza, abbiamo concordato prima di nascere delle linee guida per la nostra evoluzione. Solo che al momento della nascita ne perdiamo completamente la memoria.

LO SPIRITO GUIDA E L’AMICO IMMAGINARIO

Una cosa è certa: non siamo soli. Siamo costantemente accompagnati dai nostri Spiriti Guida a partire da quando siamo piccoli. Chi non ha mai avuto un amico immaginario? Io ricordo perfettamente il mio che si chiamava “Pitemu” (lo scrivo come lo pronunciavo, solo molto più tardi ho scoperto che si chiamasse Peter Moon). Aveva la mia stessa età ed era inglese, giocava insieme a me, parlavo e ridevo con lui, lo incontravo spesso sotto il tavolo del salotto, dove mia madre mi trovava a fare lunghe chiacchierate con qualcuno di invisibile. Per fortuna credeva anche lei nell’esistenza degli amici immaginari e si limitava a sorridere e a chiedermi se lo avessi incontrato e a che cosa avessimo giocato.


Se volete approfondire l’argomento dell’amico immaginario, vi consiglio la lettura di questo romanzo, davvero bellissimo, un po’ giallo, ma che apre un mondo sull’esistenza e sulla vita di questi amici invisibili: “L’Amico Immaginario” di Matthew Dicks. E’ molto, molto di più di un semplice romanzo.

MA CHI SONO GLI SPIRITI GUIDA?

Gli Spiriti Guida sono Esseri di Luce che ci accompagnano nel nostro cammino terreno. Non hanno niente a che vedere con gli Angeli, perché mentre gli Angeli sono anch’essi Esseri di Luce, questi però non hanno mai avuto esperienze terrene o fisiche. Al contrario gli Spiriti Guida si sono incarnati sul nostro piano fisico e hanno condotto una vita cosiddetta “normale” fino al momento del loro trapasso su un’altra dimensione. Possono essere state persone che abbiamo conosciuto nella nostra vita, come invece essere a noi totalmente sconosciute. Può anche essere un animale, come credono gli Sciamani di tutte le antiche tradizioni. Non lo sappiamo… o forse sì.

foto dal web

GLI SPIRITI GUIDA SONO SEMPRE CON NOI

Le nostre Guide sono nostri amici, amici che forse abbiamo sempre conosciuto. Essi creano con noi la vita che vivremo su questa Terra, secondo linee, obiettivi e mission su cui ci siamo già accordati. Ebbene sì, secondo il mio parere e la mia esperienza, abbiamo concordato prima di nascere delle linee guida per la nostra evoluzione. Solo che al momento della nascita ne perdiamo completamente la memoria.

Ecco perché i nostri Spiriti Guida hanno il compito di suggerirci come ritornare sul nostro vero sentiero, dal quale le esperienze di questa vita potrebbero averci fatto allontanare. E non lo faranno mai attraverso degli avvertimenti che possano incutere timore o attraverso qualcosa che possa offendere o intralciare altre persone. Il loro punto di vista è sempre obiettivo ed etico, hanno una visione d’insieme e “dall’alto” e nei loro consigli si riflette il loro amore per tutti gli esseri umani.
Essi non offrono mai un consiglio. Il consiglio arriva quando lo richiediamo e siamo sempre assolutamente liberi di accettarlo o meno.

Molto spesso i nostri Amici ci “mostrano” un altro modo di vedere una situazione, un’alternativa, che nemmeno avevamo preso in considerazione. I loro suggerimenti non sono certo ordini. Riflettono solo il punto di vista da dove stanno guardando. Accettano sempre senza giudizio il fatto che possiamo intraprendere una strada diversa da quella “suggerita” e adatteranno immediatamente i loro consigli alla nuova via intrapresa. Non esistono decisioni sbagliate, ma infinite opportunità, ognuna delle quali porta sviluppi sempre e comunque interessanti.

COME CONTATTARE LO SPIRITO GUIDA

Se qualcuno si aspetta di sentire la loro voce con le orecchie fisiche, non sentirà nulla; se si aspetta di vedere la loro presenza con gli occhi fisici, non vedrà assolutamente niente. Solo attraverso i canali sottili, i sensi sottili, sarà possibile contattare lo Spirito Guida. Ma anche pensare che queste informazioni arrivino dall’esterno, dal di fuori di noi, è assolutamente errato. Perché gli Spiriti Guida ci parlano attraverso la nostra Anima, il nostro Sé più profondo e nascosto.

La nostra Anima è l’unico mezzo, l’unico ponte di comunicazione tra il nostro mondo terreno e il mondo oltre, il sovrasensibile.

Sono arrivata a questa conclusione con l’esperienza diretta, dopo aver frequentato il primo corso dal titolo “I Maestri Invisibili” che lo scrittore e filologo Igor Sibaldi tenne a Roma nel 2000, con il quale si è poi consolidata una forte amicizia durata nel tempo. Avevo letto due anni prima il suo libro “I Maestri Invisibili”, che mi aveva letteralmente appassionato e dal quale avevo attinto informazioni per me completamente nuove ed inedite.

I maestri invisibili di Igor Sibaldi


Avevo già avuto contatti con il mio Spirito Guida in molte occasioni, soprattutto durante stati meditativi o durante le fasi che precedono il sonno. Però desideravo qualcosa di più, qualcosa che mi permettesse di entrare in contatto con loro non più in forma spontanea, ma indotta. Quello con Igor è stato uno dei corsi più entusiasmanti della mia vita, dal quale ho potuto ottenere un’efficacissima tecnica di contatto, che ancora oggi utilizzo e tante, tantissime risposte.

Soprattutto ebbi conferma di tanti miei sentiti: il fatto che il contatto avveniva proprio “telepaticamente” attraverso quella nostra parte così profonda e insondata che si chiama Anima, che avevano un nome, bastava avere il coraggio di chiederglielo, che ogni tanto cambiavano sembianze, perché a seconda del nostro stato di coscienza lasciavano posto ad altri Maestri più adatti a quel nostro preciso momento, che potevo contattare anche altri Esseri che non erano propriamente le mie guide, ma che mi venivano date “in prestito” per esigenze contingenti e che magari non avrei mai più rivisto. Insomma ebbi l’opportunità d imparare a sentirli, viverli e amarli.


Ma come contattare lo Spirito Guida? Il miglior contatto con il nostro Maestro Invisibile è sempre l’ascolto interiore. Loro ci inviano continuamente messaggi, che spesso cadono però nel vuoto, perché non siamo in grado di coglierli. Solo se siamo in uno stato di apertura e di centratura le “porte” possono aprirsi e lasciar fluire il dialogo, un dialogo che avviene sempre nel nostro presente. Possono sussurrarci le risposte o i consigli che tanto attendevamo. Quelle intuizioni, quelle idee brillanti sono le loro che ci hanno trasmesso in uno stato momentaneo di silenzio interiore, quando lasciamo che tutto si fermi, in una frazione di secondo.

Ecco, in questo preciso istante si apre una porta, si crea un ponte di contatto, anche se fugace. E’ solo nostra la facoltà di poter scegliere se lasciare quella porta aperta oppure no. Loro, i nostri Spiriti Guida, i nostri Maestri, sono lì in attesa, senza giudizio, senza alcuna ombra, ma solo e sempre pieni di amore e di protezione nei nostri confronti.

ESERCIZIO PER CONTATTARE IL NOSTRO SPIRITO GUIDA

Per contattare lo Spirito Guida sarà sufficiente metterci in uno stato di assoluta tranquillità, rilassamento e silenzio. Sedersi in una posizione comoda, chiudere gli occhi, contare da 10 a 1 per entrare nel nostro spazio interiore. Dobbiamo raggiungere uno stato di vuoto mentale (i pensieri a dire il vero potrebbero ancora venire alla nostra mente, ma non focalizziamoci su essi, lasciamoli scorrere come foglie al vento, andranno via da soli, se non diamo loro attenzione).

A questo punto diciamo a noi stessi: “Spirito Guida parlami, io ti ascolto” oppure possiamo formulare una domanda più specifica “Spirito Guida, indicami la soluzione per…”. L’importante è che la domanda sia breve, chiara e senza troppi concetti aggiuntivi.

Se siamo già abituati ad entrare al centro del nostro Essere, è molto probabile che la risposta arrivi dopo pochi secondi o minuti. L’importante è mantenere lo stato di calma e rilassamento. Se invece non dovesse arrivare nulla, siate vigili e attenti nei giorni a venire, perché la risposta potrebbe arrivare attraverso segnali inaspettati: uno spot pubblicitario, alcune frasi dette da altri, un sogno, un’intuizione improvvisa, alcune frasi di un libro… insomma, i mezzi possono essere molteplici. L’importante è essere attenti, centrati, focalizzati sui nostri pensieri, emozioni, sul nostro presente.

Vi auguro di poter fare amicizia con il vostro Spirito Guida, lui non vede l’ora di farlo!

Serenella D’Ercole
Ricercatrice spirituale e life coach

Share This