LA CONCENTRAZIONE

Parlo spesso, e non solo in questo Blog, di risveglio, di non essere vittime inconsapevoli della nostra mente, di non lasciarci andare al continuo affollamento di pensieri inutili, che non aiuta a rimanere centrati sui nostri obiettivi o sul nostro sentito. 

Ho già parlato di Meditazione, di come funziona e di come ci può essere di sostegno per vivere una vita più serena e consapevole. Una Meditazione alla quale dedicarci nel nostro spazio silenzioso, in tutta calma e rilassatezza. Ci sono però dei momenti nel corso della giornata in cui abbiamo veramente bisogno di rimanere concentrati su quello che stiamo facendo e, lo sappiamo benissimo, le distrazioni sono sempre in agguato, pronte a distogliere la nostra attenzione e il nostro focus. 

Il potere della concentrazione
foto dal web

Naturalmente ci rendiamo conto dell’importanza della concentrazione solo quando… l’abbiamo persa. Esattamente quello che succede con tutte le cose belle della vita, quando le lasciamo andare e ci rendiamo conto della loro importanza nel momento in cui non le abbiamo più. Per fortuna la concentrazione la possiamo recuperare in qualsiasi momento. 

Le distrazioni sono infinite e, negli ultimi anni, si sono aggiunte quelle che arrivano dalla tecnologia mobile, dagli strumenti multimediali, dai messaggi di ogni genere e natura, che ci portano a livelli pericolosi di disattenzione.

tecniche di concentrazione
foto dal web

LA CONCENTRAZIONE, COME FUNZIONA

Di tutti le informazioni che ogni giorno arrivano a noi, attraverso i nostri organi sensoriali, solo una parte viene selezionata dal nostro cervello. Il cervello filtra tutto ciò che entra nella nostra sfera di realtà, lasciando solo informazioni e stimoli che siano utili e, soprattutto, funzionali nella nostra vita. Questo è uno degli innumerevoli compiti del cervello inconscio. 

Attraverso la concentrazione diamo però input al cervello inconscio di centrarsi su ciò che realmente ci interessa e di cui abbiamo davvero bisogno, tanto da sostenere il cervello inconscio nei processi di miglioramento e di sviluppo personale.
In pratica, quando ci alleniamo nell’attivazione della concentrazione conscia, trasmettiamo al nostro cervello inconscio tutti quegli stimoli e quei processi che restano attivi ed impressi anche quando la nostra attenzione conscia è a riposo. 

Mettendo in pratica la concentrazione impariamo a non essere più dominati dalla nostra mente, fatta di abitudini e risposte automatiche, ma a diventare noi il vero comandante della nostra mente. Così facendo possiamo diventare i maestri di noi stessi.

tecniche di concentrazione
foto dal web

TECNICHE DI CONCENTRAZIONE 

E’ tanta la letteratura al riguardo. Tra tutti mi sento di consigliare “Esercizi di Concentrazione” di Mouni Sadhu, un testo dove vengono riportati degli esercizi molto efficaci e pratici con uno sguardo rivolto alla tradizione orientale.
Altro testo da prendere in considerazione è “L’Arte della Concentrazione” di Harriet Griffey, con la descrizione di tecniche ben mirate e seconda del contesto di applicazione.

PRIMA TECNICA DI CONCENTRAZIONE 

Quando ti stai rendendo conto di essere distratto da fattori esterni o interni alla tua persona, fermati per un minuto e unisci le due mani per i polpastrelli, tenendo le dita della mano ben distanziate. Poi senza muovere la testa guarda verso sinistra, poi verso destra e riporta lo sguardo in avanti. Riprendi la tua attività.

SECONDA TECNICA DI CONCENTRAZIONE

Nel momento in cui desideri riprendere la concentrazione persa, inizia a picchiettare leggermente la sommità della tua testa con le dieci dita per una decina di volte. Con gli indici picchietta per otto volte sul lato interno delle sopracciglia, ripeti sul lato esterno delle sopracciglia e poi sotto gli occhi, sempre per otto volte. Prosegui picchiettando sempre leggermente sopra il labbro superiore e poi sul mento, sempre per otto volte su ogni punto. Alla fine scuoti le mani. 

TERZA TECNICA DI CONCENTRAZIONE

Fermati un momento per riprendere la tua attenzione, chiudi gli occhi, fai due respirazioni profonde e riprendi la respirazione normale sempre ad occhi chiusi, concentrandoti sul tuo respiro. Riapri gli occhi e osserva tutto intorno a te, gli oggetti, le cose, le persone, tutto. Osserva tutto con una visione circolare da sinistra verso destra e torna indietro. Adesso puoi riprendere la tua attività abituale. 

Vi auguro di praticare la concentrazione al meglio !

Serenella D’Ercole
Ricercatrice spirituale e life coach

Share This